I FRANCOFONTESI RACCONTANO FRANCOFONTE

itFrancofonte

pubbliredazionale NATURA PAESAGGI

Le albicocche…ed è subito estate (di gusto)!

Albicocche
Articolo promozionale

Arriva la bella stagione e…arrivano le albicocche! Un frutto delizioso che contiene poche calorie, ma apporta tanti benefici. Volete scoprire quali sono? Vi sveliamo tutto nei prossimi paragrafi.

Albicocche: origini

Chissà in quanti aspettate questo momento dell’anno per gustarle. Si tratta di un frutto coltivato anche nelle nostre campagne francofontesi. L’albicocca appartiene alla famiglia delle Rosacee e al genere prunus (al quale appartengono, tra gli altri, la pesca e la mandorla).  Per quanto riguarda le sue origini sono antichissime, pare siano asiatiche e in particolare alla Cina nord orientale. Ad introdurre questo frutto in Italia e in Grecia sono stati i Romani (intorno al 70-60 a.C.). Tuttavia, sono gli arabi a diffondere le albicocche nel bacino del Mediterraneo.

Albicocche Frutta
Le albicocche sono ricche di proprietà

Albicocche: informazioni botaniche

Per quanto riguarda l’albero, esso può anche raggiungere fino ai 12 metri. Tuttavia, al fine di agevolare la raccolta degli stessi frutti, la pianta viene mantenuto sotto i 4 metri. Il tronco e i rami sono leggermente contorti; le foglie, invece, sono ellittiche con punte acuminate e hanno il bordo seghettato. La loro media è di circa 8 centimetri. Il frutto, di forma ovoidale, ha una buccia e una polpa di colore arancio più o meno intenso. Il nocciolo, contenuto all’interno, è di colore marrone e legnoso. Hanno un sapore zuccherino e leggermente acidulo.

Le albicocche: quando trovarle?

I frutti freschi (e quindi di stagione) si trovano nel primo periodo estivo (fino a luglio). Tuttavia, è possibile trovarle tutto l’anno ‘conservate’. Infatti, nei supermercati abbiamo diverse tipologie di albicocche: da quelle disidratate a quelle sciroppate; dalla confettura fino ai succhi di frutta.

Cosa contengono?

Le albicocche fresche sono ricche di acqua, vitamine, sali minerali e fibra alimentare. Tra gli antiossidanti, va sottolineata la presenza di beta- carotene. Inoltre, hanno un bassissimo apporto energetico (solo 28 calorie per 100 grammi). Al contrario, quelle sciroppate hanno una quantità maggiore di calorie.

Come conservarle?

Per ciò che concerne le modalità di conservazione, qualora le albicocche siano fresche, allora possono essere conservate in frigo per almeno due giorni. Nel caso in cui siano acerbe, prima di riporle in frigo lasciatele per qualche giorno a temperatura ambiente. In questo modo avranno il tempo di maturare.

Albicocche Su Piatto
Il frutto fresco ha pochissime calorie

Proprietà e benefici

Ma quali proprietà contengono le albicocche? Innanzitutto, permettono di ridurre il colesterolo cattivo svolgendo anche una funzione protettiva per il cuore. L’alto contenuto di Vitamina A permette di tutelare non solo gli occhi, ma anche la pelle, in quanto stimola la produzione di melatonina. La presenza di fibre permette di regolare il sistema digerente, favorendo la digestione e dando un valido aiuto in caso di stitichezza. Inoltre, il basso contenuto calorico lo rende un frutto adatto a chi segue una dieta. I flavonoidi contenuti nelle albicocche fanno sì che questi frutti siano l’ideale contro le patologie infiammatorie a carico dell’intestino (come la colite ulcerosa).  Infine, pare che l’albicocca sia in grado di rigenerare le cellule epatiche, contribuendo così al corretto funzionamento del fegato.

Gli usi in cucina

Si tratta di frutti che possono essere utilizzati senza problemi anche in cucina. Dalle crostate fino alle ciambelle, per poi passare alle marmellate. Non vi resta che mettere in moto la vostra fantasia.

Le albicocche…ed è subito estate (di gusto)! ultima modifica: 2020-06-09T09:08:40+02:00 da Cristina Scevola
To Top