itFrancofonte

INTERVISTE STORIE

Chiara Terzo, una dottoressa da…110 e lode!

Chiara Terzo Laurea Medico

Chiara Terzo si è laureata lo scorso 9 luglio, presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Catania con 110 e lode. Abbiamo incontrato la dottoressa in medicina e chirurgia abilitata alla professione medica che ci ha raccontato le emozioni, indimenticabili, della laurea.

Dottoressa Chiara Terzo come mai hai scelto di fare medicina?

“Sin da piccola sono sempre stata affascinata dalla medicina. Guardavo ‘Siamo fatti così’ a ripetizione; al contempo vedevo i medici dare il loro contributo alla comunità. Così, da piccola, mi sono resa conto di volere dare il mio contributo come facevano loro e ho capito che da grande sarei diventata un medico”.

Chiara Terzo Discussione Tesi
Un momento della discussione della tesi

Cosa ti ha appassionato del tuo percorso di studi?

La possibilità di studiare il corpo umano e la sua fisiologia in ogni aspetto e anche capire quanto ancora c’è da scoprire sul meccanismo di funzionamento del corpo umano. La parte più bella di questa professione è il contatto con i pazienti. Se la parte teorica ti fornisce le basi, la parte pratica rappresenta l’applicazione vera e propria degli studi”.

Hai incontrato delle difficoltà durante questi anni universitari? Se sì, in che modo le hai superate?

“Sicuramente, in un percorso lungo come quello di medicina che dura 6 anni, le difficoltà ci sono. La mole di studi è tanta così come gli stessi ritmi. Ma la voglia di raggiungere il mio sogno è stata più forte di qualsiasi difficoltà. Inoltre, la mia famiglia mi ha supportato in questi anni, aiutandomi e sostenendomi in tutti i modi. Non è stata una passeggiata; ma se si ha la passione, qualsiasi difficoltà si supera”.

Come ti sei sentita durante la proclamazione?

“Secondo me è stato il momento più bello della mia vita. Quando ho realizzato, mi sono resa conto di aver raggiunto il mio sogno. Ho ringraziato quella piccola bambina che, con tenacia, ha inseguito un obiettivo e lo ha raggiunto. Sono stata orgogliosa di me stessa e consapevole di aver reso orgogliosi sia i miei genitori che mio fratello”.

Su quale argomento hai incentrato la tesi?

“Ho svolto una tesi in lingua inglese di ambito nefrologico. La nefrologia è stata la branca della medicina che mi ha affascinato. Al quarto anno, quando l’ho studiato, mi ha permesso di comprendere che quella sarebbe stata la branca che avrei approfondito. Infatti, ho scelto di svolgere il mio internato di laurea in nefrologia e di fare una tesi di nefrologia”.

Che studentessa sei stata a liceo?

“Mi sono sempre impegnata, spinta dalla voglia di conoscere e apprendere il più possibile le varie discipline. Probabilmente questo mio desiderio mi ha permesso di raggiungere, insieme a un mio compagno di classe, la lode”.

Chiara Terzo Laurea
La dottoressa Chiara Terzo insieme alla famiglia

Quanto conta oggi lo studio?

“Oggi studiare è la cosa che conta di più in assoluto. Se un popolo è istruito, riesce a portare avanti le proprie idee; se non lo è, si fa portare avanti dalle idee degli altri. Studiare ti apre anche a nuove opportunità che pensi non si possano raggiungere”.

Sei anche una volontaria. Raccontaci come fai a conciliare studio e volontariato…

“Nell’Avis di Francofonte ho ritrovato una seconda famiglia. Sono sempre stati al mio fianco permettendomi di organizzare la mia attività di volontariato con il mio percorso universitario. La parte che mi piace di più sono le giornate di sensibilizzazione nelle scuole. Attraverso il contatto con i ragazzi ho avuto il modo di trasmettere non solo quanto ho appreso nel mio percorso di studi, ma anche di trasmettere nuove informazioni e dar loro la possibilità di conoscere nuovi concetti”.

Infine Chiara, cosa ti senti di dire a chi non preferisce rischiare e decide di mettere da parte i propri obiettivi?

“Sicuramente dico di non smettere mai di porsi degli obiettivi e di perseguirli sempre. Avevo come obiettivo quello di diventare medico e ho scelto di raggiungerlo nonostante le difficoltà. Confucio diceva: ‘Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita’”.

*Tutte le foto per la realizzazione dell’articolo sono state fornite dalla dottoressa Chiara Terzo.

Chiara Terzo, una dottoressa da…110 e lode! ultima modifica: 2021-08-09T08:02:36+02:00 da Cristina Scevola

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Julieta B. Mollo

Che brava! Complimenti 😊

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x