CIBO NATURA TRADIZIONI

Dalla campagna alla cuore della cucina: il finocchietto selvatico

Finocchietto rizzo
20189,20136,20071,20063,19904

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Ci sono tradizioni che si tramandano nel tempo, nonostante l’era digitale. Tradizioni culinarie e non, a cui i francofontesi non sanno proprio rinunciare! Tra esse, oltre alla raccolta degli asparagi, troviamo sicuramente la raccolta del finocchietto selvatico.

Il “finucchieddu rizzu”: notizie e curiosità

Chiamato in dialetto “Finucchieddu rizzu”, è una pianta erbacea perenne, profumata in tutte le sue parti. Vive spontanea negli incolti aridi e ai bordi delle strade delle nostre campagne francofontesi. Le foglie hanno la lamina divisa in numerose lacinie capillari, corte e intrigate, da qui infatti l’espressione dialettale “finucchieddu rizzu”. Ogni parte della pianta, trova il suo impiego alimentare. Le foglie e gli steli teneri, si raccolgono a partire dal mese di ottobre sino a maggio, i semi a fine estate, gli steli spigati, a tempo di olive.

Riso con Finocchietto

Un gustosissimo riso con il finocchietto…che bontà!

La raccolta del finucchieddu rizzu a Francofonte

La raccolta del finocchietto selvatico è una ricerca molto paziente, che avviene lungo le campagne francofontesi. Approfittando dell’inizio delle calde giornate primaverili, si vedono sempre più gruppi di francofontesi, muniti di forbici e recipienti, raccogliere il finocchietto. La raccolta avviene senza protezioni per le mani: l’odore inebriante caratteristico di questa pianta, persiste nel corpo e nelle mani per diverse ore!

U finucchieddu rizzu nella cucina francofontese

In cucina viene tradizionalmente utilizzata per insaporire la salsiccia, per preparare il sugo, per condire le olive, per arricchire le minestre di legumi e per tante altre pietanze.Noi siamo andati alla ricerca delle ricette più antiche :vi proponiamo ben due ricette tipiche del nostro territorio.

Risotto al finocchietto selvatico: ingredienti e procedimento

Vi elenchiamo gli ingredienti necessari per riprodurre la ricetta:

  • RISO;
  • POMODORO;
  • FINOCCHIETTO;
  • CIPOLLA;
  • PEPE NERO;
  • VINO BIANCO;
  • BRODO VEGETALE.

Il risotto con il finocchietto selvatico è una classica ricetta tipica della stagione. Pochi e semplici passaggi, lo rendono un piatto semplice ma raffinato, che valorizza al massimo questo ortaggio di stagione. Si inizia con il lavaggio del finocchietto, eliminando accuratamente i gambi duri. Successivamente,  si trita il finocchietto finemente. Tritare la cipolla, e farla rosolare con due cucchiai di olio extra vergine d’oliva, in un tegame a parte. Non appena la cipolla sarà dorata, aggiungete il finocchietto selvatico, cosi da lasciarlo insaporire. Versare il riso nel tegame, e sfumatelo con del vino bianco. La cottura del riso, procederà pian piano, aggiungendo lentamente il brodo vegetale, e sale e pepe nero quanto basta. Terminata la cottura, mantecare il risotto con dell’altro finocchietto tritato, ed aggiungere a piacimento, del pomodoro. A questo punto il piatto è pronto: il profumo e il sapore dell’indiscusso protagonista della nostra ricetta conquisterà i vostri palati!

Polpette

Un classico: le polpette con il finocchietto

Polpette di finocchietto: ingredienti e procedimento

Ecco gli ingredienti necessari per la realizzazione della ricetta:

  • FINOCCHIETTO;
  • UOVA;
  • PECORINO;
  • AGLIO;
  • SALE E PEPE.

Pulire e lessare per bene le foglie e gli steli di finocchietto, privarli delle parti dure. Procedere impastando con uovo, pecorino grattugiato aglio e sale e pepe, e iniziare formare della palline schiacciate. Non appena l’impasto è ben amalgamato, le polpette saranno pronte da friggere in olio bollente! Una variante della ricetta, spesso utilizzata, è l’aggiunta a piacimento della salsa! Servire le polpette, con in delizioso contorno di finocchietti lessati.

… E buon appetito!

Dalla campagna alla cuore della cucina: il finocchietto selvatico ultima modifica: 2019-04-01T08:02:56+02:00 da Adelia Todaro

Commenti

To Top