I FRANCOFONTESI RACCONTANO FRANCOFONTE

itFrancofonte

CIBO TRADIZIONI

Gelatina di mele cotogne, come realizzarla a casa?

Gelatina Di Mele Cotogne

La gelatina di mele cotogne è un classico da realizzare durante il periodo autunnale. Ma come possiamo realizzarla a casa? Oggi vi diciamo gli ingredienti e il procedimento da seguire.

Le mele cotogne, qualche informazione su questi frutti

Originaria della zona dell’Asia minore, la mela cotogna si presenta con una polpa compatta e acidula, infatti viene difficilmente consumato fresco. La sua buccia, invece, di colore giallo e ricoperta di peluria, emana un profumo straordinario durante la fase di maturazione. Contrariamente a quanto si possa pensare, questi frutti non si conservano per tanto tempo. E dunque vanno cucinati in fretta; il rischio è quello di ritrovarseli marci. Ricchissima di pectine, la mela cotogna è ottima per preparare marmellate, gelatine e come addensante. Contiene acqua, fibre, grassi e proteine; sono una fonte di vitamine (A, B1 e B2, C) e sali minerali; tra questi ultimi spiccano il potassio, fosforo, calcio e magnesio. Lo zucchero predominante è il fruttosio.

Mele Cotogne Raccolte
Immagine di repertorio

Gelatina di mele cotogne

La gelatina di mele cotogne è una conserva che va tenuta in casa. Ottima da gustare se spalmata su una fetta biscottata, sarà l’ideale per accompagnare una colazione sana e nutriente. Per non parlare poi di quel suo sapore unico che la rende così buona e apprezzata. Potete anche utilizzarla per realizzare dolci, come per esempio delle crostate profumate. Esiste anche la variante solida, che si realizza usando delle formine in terracotta. Indifferentemente dalla variante che decidete di realizzare, si tratta di un prodotto dal sapore altamente superiore rispetto a quelle che si commercializzano nei supermercati. Le conserve fatte in casa sono sempre le migliori in assoluto!

Gelatina di mele cotogne: quali sono gli ingredienti per la proposta di oggi?

Per realizzare la gelatina di mele cotogne vi serviranno: 1 kg di mele cotogne, 1 kg di zucchero, 1 limone.

Gelatina di mele cotogne: quale procedimento seguire?

Innanzitutto pulite le mele cotogne: cominciate a togliere la peluria esterna aiutandovi con un canovaccio, poi lavatele sotto l’acqua corrente. Dopo tagliatele a pezzettini senza sbucciarle e mettetele in una pentola, facendole cuocere fino a quando i pezzi non si disfano. Fate cucinare a fuoco dolce. Poi, togliete la pentola dal fuoco e versate il contenuto in un colino appoggiato sopra una ciotola. Fate filtrare il succo, senza schiacciare la frutta. Adesso pesate il succo e preparate la stessa quantità di zucchero.

Mele Cotogne Albero Frutto
Immagine di repertorio

Ovviamente se avrete 900 grammi di succo, dovete mettere 900 grammi di zucchero (quest’ultimo è proporzionale alla quantità del succo). In una casseruola versate il succo delle mele cotogne, lo zucchero e il succo di limone. Scaldate il tutto a fuoco dolce fino a quando lo zucchero non si sia sciolto. Portate a ebollizione e continuate a cuocere per almeno altri dieci minuti, fino a quando il composto non si sia addensato.

Come conservarla?

Adesso vi parliamo dei metodi di conservazione. Questa variante morbida si conserva all’interno di barattoli di vetro. Questi, insieme ai coperchi, vanno sterilizzati. Poi i barattoli, una volta chiusi, si capovolgono, in modo da creare il sottovuoto. Teneteli lontani da fonti di calore.

Gelatina di mele cotogne, come realizzarla a casa? ultima modifica: 2020-10-02T14:05:12+02:00 da Cristina Scevola
To Top