I FRANCOFONTESI RACCONTANO FRANCOFONTE

itFrancofonte

CONSIGLI UTILI NEWS

IO Lavoro, la dottoressa Sangiorgio: “Agevolazioni chi assume”

Io Lavoro

Si chiama IO Lavoro ed è il nuovo incentivo per l’assunzione dei giovani, fino a 35 anni, annunciato dall’ Anpal, con il decreto numero 44/2020. Si tratta di una piccola, ma grande, boccata d’ossigeno a favore non solo dei disoccupati, ma anche delle imprese stesse. Abbiamo incontrato la dottoressa Daniela Sangiorgio, responsabile UIL Francofonte, che ci ha spiegato tutto su questa novità.

IO Lavoro: chi sono i destinatari dell’incentivo?

È stato istituito l’ “IncentivO Lavoro”, noto come “Io Lavoro”. La gestione è stata affidata all’INPS, in qualità di Organismo Intermedio. L’INPS, ogni mese, ha il compito di comunicare all’ANPAL i dati relativi agli importi prenotati ed erogati. Il nuovo bonus assunzioni è stato reso noto con il Decreto Direttoriale n. 44 del 6 febbraio 2020; ed è stato pubblicato il 10 febbraio 2020 sul sito dell’ANPAL. “Si tratta di una importante novità a sostegno dell’assunzione dei giovani disoccupati”: esordisce la dottoressa Sangiorgio quando parla dell’incentivo.

Daniela Sangiorgio

La dottoressa Daniela Sangiorgio

Con uno stanziamento di € 329.400.000, “ai datori di lavoro spetta un incentivo, se assumeranno, nel periodo che va dal’1 gennaio e fino al 31 dicembre 2020, persone disoccupate, di età compresa tra i 16 e i 24 anni; lavoratori con 25 anni di età e oltre, privi di impiego da almeno sei mesi”: spiega. “L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro. Sono esclusi i premi e i contributi dovuti all’INAIL per un periodo di 12 mesi; a partire dalla data di assunzione. Il limite massimo è di 8.060 euro su base annua, da riparametrare, per lavoratore assunto. Tale incentivo deve essere fruito entro il 28 febbraio 2022”: prosegue ancora. IO Lavoro permette di ‘aiutare’ le assunzioni e va a sostenere non solo il lavoratore, ma anche il datore stesso; insomma, apporta dei veri e propri benefici da ambo le parti.

Quali sono le regioni ammesse all’incentivo?

“L’incentivo spetta nei casi in cui la sede di lavoro si trovi nelle regioni considerate meno sviluppate; ovvero Basilicata, Calabria; Campania; Puglia e Sicilia”: spiega. “E poi ancora si considerano anche le regioni “più sviluppate” e quelle “in transizione”, indipendentemente dalla residenza del lavoratore e nei limiti previsti dall’articolo 12 del DD”: ci dice. Un sostegno per tante regioni e per tanti paesi come il nostro; anche perchè Francofonte rientra tra i territori ammessi a questa novità. E, di conseguenza, darà una mano anche a quei francofontesi che sono alla ricerca di un lavoro.

IO Lavoro: quali tipologie di contratti sono incentivati?

“L’incentivo – spiega ancora – è riconosciuto a precise tipologie contrattuali. Nello specifico, si riconosce ai contratti di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione; e al contratto di apprendistato professionalizzante. Inoltre, l’incentivo è riconosciuto in caso di lavoro a tempo parziale; in caso di trasformazione, a tempo indeterminato, di un rapporto a tempo determinato. Anche il socio lavoratore di cooperativa, assunto con contratto di lavoro subordinato, rientra nell’ambito di applicazione di IO Lavoro. Sono esclusi le assunzioni con contratto di lavoro domestico; occasionale o intermittente”.

Lavoro Gruppo

Si forniscono incentivi ai datori di lavoro che assumono

Il procedimento di ammissione all’incentivo

Per ciò che concerne l’ammissione, “i datori di lavoro devono presentare un’istanza preliminare di ammissione all’INPS attraverso l’apposito modulo telematico”: spiega. “Vanno indicati i dati relativi all’assunzione effettuata o da effettuare, con le modalità definite dall’INPS. Quest’ultima poi effettuerà tutta una serie di operazioni. Entro dieci giorni dall’avvenuta ricezione della comunicazione di prenotazione da parte dell’INPS, il datore deve effettuare l’assunzione. Inoltre, deve dare conferma della prenotazione fatta a suo favore. Se non provvede – evidenzia – si rischia la decadenza. Dopo l’autorizzazione, si provvederà ad erogare il beneficio mediante il conguaglio sulle denunce contributive”.

IO Lavoro, la dottoressa Sangiorgio: “Agevolazioni chi assume” ultima modifica: 2020-03-05T08:26:14+01:00 da Cristina Scevola
To Top