NATURA

La cucuzza longa, una gustosa prelibatezza della nostra terra

Cucuzza Appesa

Una delle prelibatezze che la nostra ricca e generosa terra riesce a regalarci è la zucchina lunga. Da buoni siciliani è per noi la “cucuzza longa”, presente in tutte le nostre tavole. Naturalmente, anche a Francofonte sono in tanti coloro che la coltivano nel proprio orticello, per farsene delle belle scorpacciate! Oggi vi vogliamo parlare di questa varietà di zucca, proponendovi anche una gustosa ricetta.

Cucuzza Longa

La cucuzza longa

I vari appellativi della cucuzza longa

La zucca o zucchetta da pergola, chiamata anche zucca serpente di Sicilia è una pianta che appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. Produce dei frutti allungati, che nella coltivazione a pergola pendono in basso per gravità. Invece, nella coltivazione spontanea sul terreno si ricurva e prende la tipica forma di un serpentello. I suoi frutti, ovvero le zucchine, sono generalmente stretti e lunghi. Diffusissima in Sicilia, è proprio lei una delle grandi protagoniste delle nostre tavole estive ed è anche molto facile da preparare. Buonissima sia tiepida che fredda, qualora ne avanzi può essere mischiata ad un po’ di pasta, preferibilmente i “ditalini”, diventando così un gustosissimo e salutare primo piatto.

La coltivazione e cura della pianta

La zucchetta da pergola è una pianta rampicante che viene coltivata a partire dal mese di aprile, riuscendo a raggiungere velocemente delle grosse dimensioni. La raccolta avviene di solito da giugno a settembre. Per quanto riguarda invece la raccolta delle cime per la cottura come tenerumi, questa può avvenire già dal mese di maggio, anche se è preferibile raccoglierle a fine estate per non intaccare la produzione delle zucchine. La crescita di questo tipo di zucchina è molto rapida rispetto alle zucche comuni, riuscendo anche anche a raggiungere e superare il metro di lunghezza anche in pochissimi giorni.

Tenerumi

I taddi

La cucuzza longa in cucina

La cucuzza longa è tipica della cucina meridionale. I suoi impieghi sono molteplici. È possibile prepararne delle zuppe o mangiarla, come già detto, con la pasta. Le sue foglie hanno una consistenza vellutata. Le cime con le foglie più tenere vengono anch’esse consumate come minestra o come contorno, ad esempio saltate in padella. Sono quelle comunemente note come tenerumi (taddi in dialetto francofontese). L’uso di queste cime è particolarmente diffuso in Sicilia. I tenerumi sono utilizzati anche per accompagnare la pasta. Specie nel periodo estivo, infatti, uno dei primi piatti più diffusi e amati nel nostro territorio e nell’intera Sicilia è la famosissima ‘pasta che taddi’.

La cucuzza longa in cucina: ricetta

Ecco un piatto gustosissimo che è possibile ricavare dalla cucuzza lunga. Eccovi un suggerimento.

Ingredienti per 4 persone: 1 cucuzza lunga; 2 cipolle bianche; 1 lattina di pomodoro a pezzetti; parmigiano; olio d’oliva extravergine.

Procedimento: raschiare la cucuzza e tagliarla a pezzetti, quindi sbucciare le cipolle, lavatele e affettarle. Mettere l’olio e le cipolle affettate e rosolare in una pentola, lievemente, per circa due minuti, dunque aggiungere la zucchina e rosolare ancora, mescolando. Aggiungere il pomodoro a pezzetti, mezzo bicchiere di acqua, aggiustare di sale e cuocere a coperchio chiuso fino a quando la zucchina non sarà tenera. Successivamente, a fine cottura e fuori dal fuoco, un altro po’ di olio d’oliva, mescolando rapidamente. Infine, mettete del parmigiano sopra e servire.

La cucuzza longa, una gustosa prelibatezza della nostra terra ultima modifica: 2019-09-30T08:56:37+01:00 da Giuseppe Spina

Commenti

To Top