La devozione mariana a Francofonte - itFrancofonte

itFrancofonte

COSA FARE EVENTI

La devozione mariana a Francofonte

La Devozione Mariana

Francofonte e la devozione mariana: si tratta di un legame fortissimo. E in questo mese di maggio che, per tradizione, è il mese di Maria, affrontiamo una tematica così importante e cara ai tantissimi devoti francofontesi.

La devozione mariana: le origini

Per comprendere la devozione a Maria, bisogna fare un salto fino al medioevo, quando, Alfonso X, il saggio, re di Castiglia e di Leon, celebra Maria come rosa della rosa e fiore dei fiori. Sempre nel Medioevo, si ha la nascita del Rosario: il nome fa riferimento ai fiori. Se alla Madonna si offrono rose, in tal modo, si donano ghirlande di Ave Maria. Le pratiche devozionali legate al mese di maggio si fanno risalire al XVI secolo; a Roma, San Filippo Neri, insegnava ai suoi giovani a circondare di fiori l’immagine di Maria e a cantarne le lodi. Il padre gesuita Annibale Dionisi, pubblica, nel 1725, con lo pseudonimo di Mariano Partenio, “Il mese di Maria o sia il mese di maggio consacrato a Maria con l’esercizio di vari fiori di virtù proposti a’ veri devoti di lei”.

Madonna Della Neve
Immagine di repertorio

Inoltre, introduce, la pratica della devozione mariana nei luoghi quotidiani, attraverso preghiere di fronte all’immagine della Vergine. Nello stesso periodo, il padre gesuita Alfonso Muzzarelli pubblica “Il mese di Maria o sia di Maggio” nel 1785. Invece, nel 1854 viene proclamato il Dogma dell’Immacolata Concezione. Nell’enciclica “Mense Maio” di Paolo VI del 29 aprile 1965, il papa indica maggio come quel mese in cui ” più fervido e più affettuoso dal cuore dei cristiani sale a Maria l’omaggio della loro preghiera e della loro venerazione. Ed è anche il mese nel quale più larghi e abbondanti dal suo trono affluiscono a noi i doni della divina misericordia”.

La devozione mariana a Francofonte

Francofonte e i Francofontesi hanno un legame fortissimo con Maria. La santa Patrona del paese, infatti, è la Madonna della Neve. Il suo culto riprende la presenza dell’icona nella basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Nel IV secolo, nella notte tra il 4 e il 5 agosto, in modo prodigioso, cadde la neve sul monte Esquilino. Questo evento fa nascere l’idea di costruire una chiesa dedicata alla Madonna. Il culto, da Roma, si è esteso fino ad arrivare fino a noi.

La Devozione Mariana Chiesa Madre
La Madonna della Neve esposta in occasione della festa in suo onore

La Madonna della Neve per i francofontesi

La Madonna della Neve è per i francofontesi, una Mamma speciale. Rappresenta colei alla quale affidare le proprie preghiere e la propria devozione. I festeggiamenti in onore della Santa Patrona di Francofonte sono il culmine della fede che i francofontesi hanno nei confronti della Madonna. La festa rappresenta un momento di celebrazione assoluta della Madonna che torna a riabbracciare i Francofonte e tutti i francofontesi con le processioni esterne. E chi è fedele, sa l’emozione che si prova nel recarsi nella ‘rutta’, la grotta di Passaneto. In questo luogo, infatti,  è stata rinvenuta l’icona della Madonna della Neve. La grotta è uno dei posti più suggestivi da visitare carico di storia e di fede. Da qui parte la storia del culto della santa Patrona di Francofonte.

La Madonna della Neve, la riapertura di maggio ai fedeli

In questo mese di maggio, la Madonna della Neve tornerà ad essere nuovamente esposta ai fedeli in chiesa Madre dal 16 al 23 maggio. E, ancora nuova volta, sarà tantissima l’emozione nel rivederla.

#VivaMaria

La devozione mariana a Francofonte ultima modifica: 2021-05-13T06:58:55+02:00 da Cristina Scevola

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x