I FRANCOFONTESI RACCONTANO FRANCOFONTE

itFrancofonte

EVENTI

La patrona dell’Arma dei Carabinieri ricordata a Francofonte

Patrona Dell'arma

La Patrona dell’Arma dei Carabinieri, la Virgo Fidelis, si celebra il 21 novembre. Anche a Francofonte, si è tenuta, ieri pomeriggio, una Messa presso la chiesa di Santa Maria di Soleto in Passaneto. La celebrazione, organizzata dall’Associazione Nazionale dei Carabinieri – sezione di Francofonte, ha richiamato diversi presenti.

La Patrona dell’Arma dei Carabinieri nelle parole del Maresciallo capo Vincenzo Lo Terzo

Abbiamo la gioia, quest’anno, di poter onorare la nostra patrona, la Virgo Fidelis, proprio in questo luogo Santo dedicato alla nostra Mamma celeste: la Madonna della Neve”. Ha esordito così il presidente dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri, il maresciallo Capo Vincenzo Lo Terzo, quando ha parlato ai presenti. Ha ribadito, tra le altre cose, il ruolo dei Carabinieri durante la battaglia di Culqualber svoltasi in Abissinia il 21 novembre 1941.

Messa

La celebrazione si è svolta nel luogo dove è stata ritrovata l’icona della Madonna della Neve

“La bandiera dell’Arma fu insignita della medaglia d’oro al valor militare. A seguito di ciò- ha detto- e del motto ‘Fedele nei secoli’, su sollecito dei cappellani militari e l’interessamento dell’arcivescovo Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone; quest’ultimo, col Santo Padre Pio XII, fissò per il 21 novembre la presentazione della Beata Vergine Maria con l’appellativo di Virgo Fidelis”. Il maresciallo ha ricordato Nello Tuzza, scomparso recentemente e fratello di Ignazio Tuzza, socio dell’Anc. Poi ha ringraziato padre Michele Lentini, rettore della grotta; padre Carmelo Scalia; nonchè tutti coloro che sono intervenuti alla celebrazione (benemerite e volontari; associazioni di volontariato; Forze dell’Ordine; sodalizi; stampa). Ad animare la celebrazione è stato il coro ‘Beato chi lo serve’ diretto dalla maestra Francesca Scirè.

Le parole di padre Michele Lentini

Davvero sentite e importanti le parole di padre Michele Lentini nel corso della santa Messa. Ha ricordato che il 21 novembre si ricorda non solo la Patrona dell’Arma dei Carabinieri, ma si celebra anche la presentazione della Beata Vergine Maria al tempio. “La fede – ha detto- non cresce se non c’è l’ascolto della parola di Dio”. Ha riportato l’esempio di Maria, modello di fede, che mette al centro della sua esistenza la fedeltà verso Dio. E poi ha sottolineato la centralità della chiesa di Santa Maria di Soleto.

Preghiera

Durante la lettura della preghiera del Carabiniere

“Proprio da qui è partita la nostra fede e la devozione alla Madonna. La nostra devozione alla Madre deve portarci a essere fedeli”: ha affermato nel corso della sua omelia. Ricordiamo che la chiesa di Santa Maria di Soleto, riaperta lo scorso 3 agosto, è un luogo simbolo per i fedeli francofontesi. Qui si è verificato il ritrovamento dell’icona della Madonna della Neve. Secondo la leggenda popolare pare che sia stato ritrovato, insieme all’icona, un crocifisso di epoca bizantina.

Virgo Fidelis, la preghiera alla Patrona dei Carabinieri

La messa poi si è conclusa con la lettura, da parte del brigadiere Salvatore Ragusa, della toccante preghiera del Carabiniere alla Virgo Fidelis. A scriverla è stato l’arcivescovo Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone; nel 1949 rivestiva il ruolo di Ordinario militare.

Le emozioni della celebrazione

“Come ogni anno è sempre un’emozione straordinaria prendere parte alla Virgo Fidelis”: ci racconta uno dei volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Francofonte. “Quest’anno l’emozione è stata ancora più forte, perchè la celebrazione si è svolta nel luogo in cui è stata ritrovata l’icona della Madonna della Neve. Per un fedele è una sensazione unica assistere a una celebrazione in un luogo come la chiesa di Santa Maria di Soleto”.

Fonte foto: Cristina Scevola per itFrancofonte

La patrona dell’Arma dei Carabinieri ricordata a Francofonte ultima modifica: 2019-11-22T07:06:59+01:00 da Cristina Scevola

Commenti

To Top