SPORT

Tanti auguri al neo diciottenne Matteo Lentini, fantasista del Città di Francofonte

Matteo Lentini Francofonte

Matteo Lentini

19675

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Nel nostro consueto appuntamento sportivo, vogliamo omaggiare Matteo Lentini, che proprio oggi diventa maggiorenne. Il giovanissimo giocatore in forza al Città di Francofonte è infatti nato il 23 gennaio 2001. Gli facciamo quindi tanti auguri e vediamo di conoscerlo un po’ meglio, grazie alle domande che gli abbiamo rivolto.

Il ruolo del Fantasista

Qual è il tuo numero di maglia e che ruolo ricopri sul terreno di gioco?

“Devo dire che quest’anno ho avuto tanti numeri diversi, mi è infatti già capitato di indossare l’8, il 10 e l’11. Il mio ruolo in campo è quello di trequartista, sono un fantasista”.

Matteo Lentini In Campo

Matteo Lentini in campo durante un’amichevole

Già, il fantasista. Un ruolo molto delicato, ricoperto da calciatori dal piede fino, da gente che con il pallone ha un feeling particolare. Si tratta del ruolo ricoperto da giocatori che possono cambiare l’esito di una partita grazie a una loro giocata. Il fantasista spesso ci riconduce a quel numero dieci già indossato da Lentini, che a noi italiani ricorda certi signori del calcio che sono stati anche capaci di vincere il Pallone d’oro, come Gianni Rivera e Roberto Baggio, o Alessandro Del Piero e Francesco Totti, che si sono laureati Campioni del Mondo con la Nazionale nel 2006.

Le esperienze e la passione per il calcio

Raccontaci un po’ quali sono state finora le tue esperienze precedenti con le altre squadre in cui hai giocato.

“Ho iniziato a giocare nella Yhadra, per poi andare alla San Pio X. Poi purtroppo ho avuto una brutta esperienza a Messina, per via di alcune problematiche societarie e non solo. Quindi mi sono trasferito allo Scordia, guidata da mister Raudino, dove ho vinto il titolo di campione provinciale, riuscendo a realizzare anche due gol in finale. L’anno scorso sono arrivato tra i professionisti con la Leonzio. Qui, dopo un inizio un po’ difficile, ho finito la stagione da capitano, esordendo nella Berretti e partecipando anche a vari allenamenti con la prima squadra in serie C”.

Come è nata la tua passione per il calcio?

“La mia passione per il calcio è nata in parte grazie a mio padre, che mi ha spinto a portare avanti quella che io considero come una vocazione, che non so neanche spiegare bene come nasce!”.

Leo Messi un sogno, i suoi pallonetti una realtà

Hai un giocatore preferito, che consideri essere un modello di riferimento per te?

“Il mio giocatore preferito è l’argentino Leo Messi, anche se sfortunatamente è impossibile cercare di imitarlo, vista l’immensa classe del capitano del Barcellona”.

Quanto influisce la pratica di uno sport come il calcio nella crescita personale di un giovane ragazzo come te?

“Il calcio influisce molto sulla crescita di un ragazzo. Ti insegna cos’è lo spirito di sacrificio, lo stare insieme ai compagni, l’impegno, la dedizione e ti aiuta anche a staccare la spina, distraendoti un po’ dai problemi e dai pensieri della vita quotidiana”.

Matteo Lentini Con Il Città Di Francofonte

Matteo Lentini nel campo dello stadio comunale insieme al Città di Francofonte

Ricordi un tuo gol significativo in particolare?

“Il gol più bello che mi piace ricordare in particolare è quello che ho segnato nella vittoria nella finale provinciale, la rete del 2-1. Dopo essermi fatto una lunga corsa di 80 metri, ho fatto un pallonetto di destro, che tra l’altro è il mio piede debole, per poi infilare la palla sul secondo palo!”.

A Matteo Lentini facciamo tanti auguri di buon compleanno, augurandogli una carriera importante, ricca di soddisfazioni e successi.

Tanti auguri al neo diciottenne Matteo Lentini, fantasista del Città di Francofonte ultima modifica: 2019-01-23T08:47:21+01:00 da Giuseppe Spina

Commenti

To Top