MONUMENTI

Piazza Dante/Ville e i suoi monumenti: per non dimenticare il sacrificio degli eroi francofontesi

Monumento1

Il monumento ai Caduti di piazza Dante/Ville

Dopo avervi parlato di piazza Dante/Ville, adesso entreremo più nel dettaglio occupandoci dei monumenti presenti sulla piazza stessa, ovvero quello intitolato a Damiano Ville e il monumento ai Caduti.

Il monumento intitolato a Damiano Ville

All’interno di uno dei due giardini presenti in piazza Dante/Ville, è collocato il monumento dedicato al caporal maggiore Damiano Sebastiano Ville, alpino di stanza nel VII reggimento di Belluno. Ville perse la vita durante un tragico attentato terroristico avvenuto a Buji Golestan, in Afghanistan, il 9 ottobre 2010. Insieme a lui furono uccisi altri tre soldati. Un quinto militare, invece, rimase ferito.

La cointitolazione della piazza e la scopertura del monumento dedicato all’alpino è avvenuta il 9 ottobre 2015, proprio in concomitanza con il quinto anniversario della sua morte.

Il monumento ha la forma della Sicilia e contiene un’iscrizione dedicata proprio all’alpino. Esso è delimitato da una recinzione in ferro.

Monumento - esso è dedicato al caporal maggiore Damiano Ville

Il monumento dedicato al caporal maggiore Ville

Il monumento ai Caduti

In piazza, come tutti sanno, ci sono due monumenti. Nella parte centrale di Piazza Dante/Ville si trova il Monumento ai Caduti della I Guerra Mondiale. Si tratta di una stele in marmo statuario situata su un basamento a più livelli. Come avranno potuto notare coloro che hanno visitato il monumento, esso è circondato da un’aiuola recintata ed ha un impianto planimetrico rettangolare.

Sull’ultimo gradone possiamo notare la presenza di una ghirlanda di foglie di alloro e di quercia realizzata in bronzo. Essa è fermata da un nastro annodato. L’appoggio della stele, invece, è formato da uno zoccolo in marmo bianco con delle iscrizioni ai due lati. Sulla faccia anteriore si legge una scritta rivolta ai caduti francofontesi della Grande Guerra, mentre su quella posteriore è riportato una parte del Bollettino della Vittoria redatto dal generale Diaz.

Per quanto riguarda la stele, sulla facciata anteriore è possibile notare la presenza di un altorilievo che raffigura un guerriero, il quale sorregge sulla spalla il corpo di un Caduto. Sullo sfondo, in bassorilievo, abbiamo un’ara classica con un elegante motivo ornamentale in stile ionico. Procedendo con la descrizione della statua, sul piano sacrificale troviamo due teste d’ariete che reggono un festone di foglie di quercia. Se prestiamo attenzione al lato posteriore della stele, che presenta una superficie martellata, vi troviamo un’ara in bassorilievo, sulla quale arde la fiamma del sacrificio.

Monumento -dettaglio

Monumento ai Caduti – dettaglio

Il monumento ai Caduti, come già detto sopra, è circondato da un’aiuola delimitata da una recinzione in ferro. Se analizziamo bene quest’ultima, noteremo la presenza di elementi modulari geometrici. Uno, molto elaborato, è composto da un quadrato attraversato dalle due diagonali con quattro grandi borchie che ne segnano i vertici. All’interno del quadrato troviamo un secondo elemento modulare. Se facciamo attenzione, noteremo come l’intersezione delle diagonali sia segnata, anch’essa, dalla presenza di una grande borchia.

Meritano di essere menzionati in maniera particolare gli elementi angolari della recinzione, cioè dei pilastrini in ghisa. Essi sono rastremati in basso e presentano dei fregi fitomorfi sia sul fronte che sul retro, sormontati da una testina femminile.

Sotto il monumento ai Caduti vengono ricordate le principali ricorrenze fondamentali che hanno segnato la storia dell’Italia e di Francofonte. Entrambi i monumenti rivestono grande importanza per i francofontesi.

Piazza Dante/Ville e i suoi monumenti: per non dimenticare il sacrificio degli eroi francofontesi ultima modifica: 2019-02-12T09:19:19+01:00 da Giuseppe Spina

Commenti

To Top