Penny, anche gli angeli hanno la coda - itFrancofonte

itFrancofonte

STORIE VALORI VALORI ED EMOZIONI

Penny, anche gli angeli hanno la coda

Penny Cagnolina

La piccola Penny

Ci sono storie da raccontare. Sono queste le storie che ci ricordano quanto amore riescano a dare gli animali, indifferentemente dalla taglia, dal coloro o dalla loro razza. Un animale sente e percepisce più di quanto si possa immaginare. E oggi vi racconteremo di un bellissimo esempio di amore e di lealtà lasciato in eredità da una randagia di nome Penny.

Penny: due occhioni grandi e un animo puro

Circa dieci anni fa a Francofonte si aggirava una cagnolina. Era una randagia. Non era un cane di taglia grande. Anzi. Al contrario. Era piccoletta e con il pelo nero e marrone. Aveva due occhioni grandi e neri, che raccontavano, a chi aveva modo di avvicinarla, la bellezza del suo animo puro. Il suo era un cuore grande e forte. Per quanto riguarda la sua età, non era una randagia anziana. Probabilmente era anche giovane. Ai tanti che la conoscevano era nota con il nome di Penny. Era stata ribattezzata  in questo modo perché aveva l’abitudine di starsene proprio all’esterno dell’omonimo supermercato situato a Francofonte. Ed era amata anche dagli stessi dipendenti che lavoravano lì e la incrociavano tutti i giorni.

Penny Copia

La piccola Penny

La piccola Penny si faceva avvicinare da tutti, senza mostrare alcun timore. Anzi, a modo suo, sembrava quasi di voler salutare i passanti. Altre volte, specie quando Penny metteva al mondo dei cuccioli, la si vedeva correre verso di loro mentre teneva in bocca la scatoletta lasciata da qualche sconosciuto. Andava di fretta perchè correva a portare il cibo ai suoi cuccioli come solo una mamma buona e premurosa sa fare.

Un angelo dalla sensibilità straordinaria

La sensibilità degli animali è tale da percepire il dolore umano. Gli animali, di certo, hanno un’empatia di gran lunga superiore rispetto a qualsiasi essere umano. E Penny, col suo cuore grande, di sensibilità ne aveva da vendere. La piccola cagnolina, infatti, aveva l’abitudine di accompagnare le persone che, col cuore colmo di dolore, andavano a trovare i loro cari al cimitero. Penny percorreva quel tragitto pieno di lacrime insieme a loro. E grazie alla sua compagnia, quel tragitto diventava più lieve e meno angoscioso. Alcune volte, dopo aver portato a termine il suo compito, tornava alla sua solita postazione.

Penny Cagnolina

La piccola Penny

Altre volte, invece, addirittura aspettava con loro. Forse perché ne percepiva le loro sofferenze e i loro dolori. O forse, più semplicemente, perché si comportava da mamma guardiana. E dunque Penny attendeva lì, per poi scortare i visitatori del cimitero durante il percorso di ritorno e salutarli proprio di fronte a quella che era la sua postazione abituale.

E poi un giorno d’estate divenne un angelo con la coda…

In una calda giornata di luglio di una decina di anni fa Penny ha smesso di accompagnare le persone al cimitero. La piccola randagia è diventata un angelo a quattro zampe. Purtroppo la sua vita e quella dei cuccioli che teneva in grembo è stata tragicamente spezzata proprio nello stesso percorso che percorreva ormai tutti i giorni.

Il suo insegnamento ci ricorda quanto un animale possa essere sensibile e di cuore nobile. Ancora oggi, nonostante gli anni, c’è ancora chi si ricorda di lei.

Penny, anche gli angeli hanno la coda ultima modifica: 2023-07-10T08:13:00+02:00 da Cristina Scevola

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x