I FRANCOFONTESI RACCONTANO FRANCOFONTE

itFrancofonte

pubbliredazionale CICERONE COSA VEDERE ITINERARI PASSEGGIANDO SE PASSEGGIAMO

Passeggiando per Francofonte…a piedi!

Passeggiando Per Francofonte

Piazza Dante/Ville

Articolo promozionale

Passeggiando per Francofonte vi permetterà di scoprire il paese. E oggi, infatti, vi vogliamo proporre un viaggio virtuale intorno al paese…a piedi!

Passeggiando per Francofonte: si parte dalla via Prima

La mission di italiani.it (e di itFrancofonte) è quella di farvi scoprire le meraviglie del nostro paese. E oggi, il nostro viaggio virtuale prende avvio dalla via onorevole Sebastiano Franco, nota da tutti i francofontesi come via Prima. Si tratta di una zona molto trafficata di Francofonte. Salendo è possibile trovare una scuola, il plesso Franco, un bar molto rinomato e delle attività fino a giungere alla rotonda. Svoltando sulla sinistra e percorrendo la via Trento e Trieste, si giunge in una delle chiese di Francofonte, quella di San Francesco. Tra tutti gli edifici religiosi è quello più moderno ed è dedicato al patrono d’Italia.

Passeggiando per Francofonte Chiesa Dell'angelo
Chiesa dell’Angelo

Passeggiando per Francofonte….si prosegue

Il nostro viaggio prosegue scendendo da San Francesco. Attraversiamo la rotonda e percorriamo via Emanuele Filiberto, svoltiamo a destra, verso piazza Archimede. Poi, percorriamo la via Commendatore Belfiore. Da qui possiamo intravedere Villa Idria (o villa nuova) e la cosiddetta ‘villa vecchia’. Si tratta di due parchi molto frequentati, specie nei periodi estivi, da adulti e bambini. Nel primo ci sono anche delle giostre per i più piccoli. La villa vecchia, invece, si trova a piazza Dante/ Ville. Qui, oltre a un istituto scolastico, è possibile notare la presenza di due monumenti; nella fattispecie, si tratta del momento ai caduti e quello dedicato al caporal maggiore scelto Damiano Ville, ucciso in un attentato in Afghanistan il 9 ottobre 2010 insieme ad altri tre soldati, mentre un quinto militare rimase ferito.

Verso le chiese del centro storico

Percorriamo la via Cristoforo Colombo, ‘a strata de varberi’ ( chiamata così per via delle attività presenti, i barbieri appunto).  Giungendo in via Regina Margherita è possibile ammirare la meravigliosa Chiesa dell’Angelo Custode. Costruita nel Seicento, la struttura crolla nel 1693 e poi viene ricostruita nel 1703. Proseguendo il nostro viaggio, attraversiamo la via Plebiscito: qui troviamo la chiesa di San Gerolamo. Poi ci immettiamo nella via Vittorio Emanuele. Scendendo c’è la chiesa del Carmine, attualmente in fase di restaurazione. La sua fondazione risale alla seconda metà del XV secolo.

Passeggiando per francofonte Palazzo Gravina Cruyllas
Palazzo Gravina Cruyllas

Proseguendo lungo il percorso, ci dirigiamo in via Garibaldi. Qui troviamo l’ex chiesa di San Cristoforo: oggi è diventata un centro polifunzionale per le attività culturali del paese. Da via Garibaldi ci spostiamo a piazza Palermo dove è possibile ammirare la chiesa Santa Croce. Va notata la sua bellissima cupola rivestita da piastrelle di tre colori: bianche, azzurre e blu. Da lì ci spostiamo tra via Umberto e via Mazzini dove poter ammirare l’ex monastero delle Benedettine e la chiesa di S. Antonio da Padova. Di quest’ultima, inaugurata nel 1468, rimane solo il portale tardo gotico. Mentre, il restaurato del monastero, tra il 1968 e il 1971, ha cancellato molti dei lavori fatti nel XVIII secolo.

Piazza Garibaldi, ‘u chianu’

Il nostro giro virtuale prosegue spostandoci verso piazza Garibaldi, il famoso ‘chianu’, che ospita un altro importante edificio: Palazzo Gravina Cruyllas. Un tempo sede della famiglia Gravina Cruyllas, oggi sede degli uffici comunali. Nel 2017 è stato celebrato il centenario dell’acquisto del palazzo da parte della municipalità di Francofonte. Il nostro viaggio si conclude a piazza Vittorio Emanuele, sede della chiesa Madre. L’edificio religioso è stato fondato tra la fine del XII e l’inizio del XIII secolo. La chiesa è impostata su pianta a croce latina, mentre la facciata è in stile romanico. Sulla parte centrale è possibile notare la presenza della torre campanaria. All’estremità del transetto troviamo due cappelle absidate: a destra c’è quella del SS. Rosario; mentre a sinistra è presente quella della Madonna della Neve, patrona di Francofonte.

Passeggiando per Francofonte…a piedi! ultima modifica: 2020-07-02T08:26:13+02:00 da Giuseppe Spina
To Top